User Tools

Site Tools


film_2019

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

Both sides previous revision Previous revision
Next revision
Previous revision
film_2019 [2019/10/13 00:27]
francesco
film_2019 [2019/11/12 23:30] (current)
francesco
Line 107: Line 107:
 L'​heure bleue\\ L'​heure bleue\\
 Le garçon de café\\ Le garçon de café\\
-Le mendiant, la kleptomane et l'​arnaqueuse\\Il libro+Le mendiant, la kleptomane et l'​arnaqueuse\\
 La vente du tableau La vente du tableau
  
Line 143: Line 143:
 Giovedì 24: finiamo //Il Gattopardo//,​ cioè dalla partenza del Cavaliere Chevalley al Principe che si mette in ginocchio, ossessionato dalla morte, la mattina all'​alba dopo il famoso ballo, davanti al passaggio di un prete che sta andando a dare l'​estema unzione ad un morente in una bicocca. Giovedì 24: finiamo //Il Gattopardo//,​ cioè dalla partenza del Cavaliere Chevalley al Principe che si mette in ginocchio, ossessionato dalla morte, la mattina all'​alba dopo il famoso ballo, davanti al passaggio di un prete che sta andando a dare l'​estema unzione ad un morente in una bicocca.
 ---- ----
-Sabato 26: guardiamo la prima mezz'​ora di //Conte d'​été//,​ [[eric_rohmer|Rohmer]],​ 1996. Titroviamo ​la nostra amata Amanda Langlet (La '​Pauline',​ nata nel 1967), insieme ad un esordiente Melvil Poupaud (1973).+Sabato 26: guardiamo la prima mezz'​ora di //Conte d'​été//,​ [[eric_rohmer|Rohmer]],​ 1996. Ritroviamo ​la nostra amata Amanda Langlet (La '​Pauline',​ nata nel 1967), insieme ad un esordiente Melvil Poupaud (1973).
  
 Domenica 27: finisco il [[eric_rohmer|Rohmer]] iniziato ieri. Per un po' Brigitta la guarda con me, ma poi deve raggiungere Gaia e Dana alla métro Belleville. È un film bellissimo, con una sensualità,​ un erotismo particolarmente spinti e delicati allo stesso tempo. Paesaggi bretoni magnifici. Il mare, il cielo, la terra. La spiaggia, che, per via delle maree, comprende i tre elementi insieme: Domenica 27: finisco il [[eric_rohmer|Rohmer]] iniziato ieri. Per un po' Brigitta la guarda con me, ma poi deve raggiungere Gaia e Dana alla métro Belleville. È un film bellissimo, con una sensualità,​ un erotismo particolarmente spinti e delicati allo stesso tempo. Paesaggi bretoni magnifici. Il mare, il cielo, la terra. La spiaggia, che, per via delle maree, comprende i tre elementi insieme:
-la sabbia, cioè la terra, un sottile strato d'​acqua che rimane, il riflesso del cielo in questo specchio. 1996: appena prima dell'​avvento dei telefonini. Comunicazioni complatemante diverse da oggi. Impossibile ​immaginre ​dei dialoghi come quelli tra i ragazzi di oggi. Impossibile immaginare la stessa pazienza nell'affronare ​delle lunghe ore di solitudine, di attesa.+la sabbia, cioè la terra, un sottile strato d'​acqua che rimane, il riflesso del cielo in questo specchio. 1996: appena prima dell'​avvento dei telefonini. Comunicazioni complatemante diverse da oggi. Impossibile ​immaginare ​dei dialoghi come quelli tra i ragazzi di oggi. Impossibile immaginare la stessa pazienza nell'affrontare ​delle lunghe ore di solitudine, di attesa.
  
 Margot, l'​etnologa/​cameriera in una crêperie e Gaspard, musicista/​matematico,​ sarebbero la coppia perfetta: ma perché allora non riescono a mettersi insieme? Margot, l'​etnologa/​cameriera in una crêperie e Gaspard, musicista/​matematico,​ sarebbero la coppia perfetta: ma perché allora non riescono a mettersi insieme?
Line 461: Line 461:
 Bravissima e simpaticissima la bambina protagonista! Bravissima e simpaticissima la bambina protagonista!
  
-Roberto ​Giacono ​è rimasto alla Maison d'​Italie ma siamo comunque riusciti a salutare la sua compagna Nicole.+Roberto ​Giacone ​è rimasto alla Maison d'​Italie ma siamo comunque riusciti a salutare la sua compagna Nicole.
 ---- ----
 Sabato 20: da solo sul divano (Brigitta dorme dopo due minuti), guardo il primo episodio de //I vinti//, quello francese, di [[michelangelo_antonioni|Antonioni]],​ del 1953. Sabato 20: da solo sul divano (Brigitta dorme dopo due minuti), guardo il primo episodio de //I vinti//, quello francese, di [[michelangelo_antonioni|Antonioni]],​ del 1953.
Line 505: Line 505:
 {{:​eve-1.png?​200 |}}{{:​eve-2.png?​200 |}}{{:​eve-3.png?​200 |}}{{:​eve-4.png?​200 |}} {{:​eve-1.png?​200 |}}{{:​eve-2.png?​200 |}}{{:​eve-3.png?​200 |}}{{:​eve-4.png?​200 |}}
 ---- ----
-Martedì 23: fino alle 23, senza particoari cedimenti, finiamo //Alla about Eve//, cominciato ieri sera. È un bellissimo film ma, spiegavo a Brigitta, troppo teatrale e non abbastanza cinematrografico perché Allan lo possa considerare un capolavoro del cinema.+Martedì 23: fino alle 23, senza particoari cedimenti, finiamo //All about Eve//, cominciato ieri sera. È un bellissimo film ma, spiegavo a Brigitta, troppo teatrale e non abbastanza cinematrografico perché Allan lo possa considerare un capolavoro del cinema.
  
 {{:​eve-5.png?​200 |}}{{:​eve-6.png?​200 |}}{{:​eve-7.png?​200 |}}{{:​eve-8.png?​200 |}} {{:​eve-5.png?​200 |}}{{:​eve-6.png?​200 |}}{{:​eve-7.png?​200 |}}{{:​eve-8.png?​200 |}}
Line 521: Line 521:
 Daisy, dessinatrice réputée, est la maîtresse d'un puissant avocat, Dan O'​Mara,​ qui ne se résout pas à quitter sa femme. Daisy accepte difficilement cette situation, remise en question par la présence d'un nouvel homme dans sa vie. Daisy, dessinatrice réputée, est la maîtresse d'un puissant avocat, Dan O'​Mara,​ qui ne se résout pas à quitter sa femme. Daisy accepte difficilement cette situation, remise en question par la présence d'un nouvel homme dans sa vie.
 ---- ----
-Sabato 27, mentre Brigitta è in BiS con le amiche mi guardo a casa Él, "una película mexicana de largo metraje de 1953 del director español exiliado en México [[Luis Buñuel]]."​+Sabato 27, mentre Brigitta è in BiS con le amiche mi guardo a casa //Él//, "una película mexicana de largo metraje de 1953 del director español exiliado en México [[Luis Buñuel]]."​
  
 "​Francisco Galván es un joven soltero, religioso, de buena posición social y virgen. Un Jueves Santo, en la iglesia, durante la ceremonia del lavatorio de los pies, su mirada divaga por los peregrinos hasta que bruscamente se detiene en los pies de Gloria. A partir de ese momento la buscará y enamorará, a pesar de que ella resulta ser novia de su amigo, el ingeniero Raúl. El amor que parece nacido de la locura no parará nunca, y los celos patológicos de Francisco condicionarán todo su comportamiento posterior."​ "​Francisco Galván es un joven soltero, religioso, de buena posición social y virgen. Un Jueves Santo, en la iglesia, durante la ceremonia del lavatorio de los pies, su mirada divaga por los peregrinos hasta que bruscamente se detiene en los pies de Gloria. A partir de ese momento la buscará y enamorará, a pesar de que ella resulta ser novia de su amigo, el ingeniero Raúl. El amor que parece nacido de la locura no parará nunca, y los celos patológicos de Francisco condicionarán todo su comportamiento posterior."​
Line 792: Line 792:
 Sabato 29: di nuovo molto tardi, come ieri sera, inizio, pur sapendo che non potrei vederlo tutto, //The Life and Death of Colonel Blimp// (1943) e lo interropo dopo un'​oretta,​ dopo la partita a carte in clinica tra Clive Candy e Theo Kretschmar-Schuldorff. Sabato 29: di nuovo molto tardi, come ieri sera, inizio, pur sapendo che non potrei vederlo tutto, //The Life and Death of Colonel Blimp// (1943) e lo interropo dopo un'​oretta,​ dopo la partita a carte in clinica tra Clive Candy e Theo Kretschmar-Schuldorff.
 ---- ----
-Domenica 30: prima di pranzo finisco il film di [[michael powell and emeric pressburger]],​ //The Life and Death of Colonel Blimp//.+Domenica 30: prima di pranzo finisco il film di [[michael powell and emeric pressburger|Powell e Pressburger]], //The Life and Death of Colonel Blimp//.
  
 Il colonnello è interpretato da Roger Livesey (1906-1976),​ a Welsh stage and film actor. He is most often remembered for the **three** [[michael powell and emeric pressburger]] films in which he starred: //The Life and Death of Colonel Blimp// (1943), //I Know Where I'm Going!// (1945) and //A Matter of Life and Death// (1946). Tall and broad with a mop of dark blond hair, Livesey used his highly distinctive husky voice, gentle manner and athletic physique to create many notable roles in his theatre and film work. Il colonnello è interpretato da Roger Livesey (1906-1976),​ a Welsh stage and film actor. He is most often remembered for the **three** [[michael powell and emeric pressburger]] films in which he starred: //The Life and Death of Colonel Blimp// (1943), //I Know Where I'm Going!// (1945) and //A Matter of Life and Death// (1946). Tall and broad with a mop of dark blond hair, Livesey used his highly distinctive husky voice, gentle manner and athletic physique to create many notable roles in his theatre and film work.
  
-Anton Walbrook (1896-1967) è di origine austriaca ed ad un certo punto, nel film, racconta veramente la sua vita quando chiede il permesso agli inglesi di poter rimanere nel paese, anche se è in guerra con il suo. Lo ritroveremo nel 1948 in //Th red shoes//.+Anton Walbrook (1896-1967) è di origine austriaca ed ad un certo punto, nel film, racconta veramente la sua vita quando chiede il permesso agli inglesi di poter rimanere nel paese, anche se è in guerra con il suo. Lo ritroveremo nel 1948 in //The red shoes//.
  
 Deborah Kerr (1921-2007) ha un triplo ruolo: Edith Hunter / Barbara Wynne / Angela "​Johnny"​ Cannon. la ritroveremo,​ nel 1947, in //Black Narcissus//​. Deborah Kerr (1921-2007) ha un triplo ruolo: Edith Hunter / Barbara Wynne / Angela "​Johnny"​ Cannon. la ritroveremo,​ nel 1947, in //Black Narcissus//​.
 ---- ----
-Domenica 30: finisco il mese con un bel film, e ancora un film che parla dell'​Occupazione:​ //Mr. Klein//, di [[Joseph Losey]], del 1976. I costumi e soprattutto le acconciature non sono per nulla inattaccbili, ma l'​ambientazione parigina è bella esteticamente ​originale. Mr. Klein, l'​antiquario gentile, abita al 136 de la rue du Bac (che nella realtà corrisponde al 110). Il suo doppio abita invece in rue des Abbesses.+Domenica 30: finisco il mese con un bel film, e ancora un film che parla dell'​Occupazione:​ //Mr. Klein//, di [[Joseph Losey]], del 1976. I costumi e soprattutto le acconciature non sono per nulla inattaccabili, ma l'​ambientazione parigina è bella esteticamente ​ed originale. Mr. Klein, l'​antiquario gentile, abita al 136 de la rue du Bac (che nella realtà corrisponde al 110). Il suo doppio abita invece in rue des Abbesses.
  
 {{:​mr_klein-1.png?​200 |}}{{:​mr_klein-2.png?​200 |}}{{:​mr_klein-3.png?​200 |}}{{:​mr_klein-4.png?​200 |}}{{:​mr_klein-5.png?​200 |}}{{:​mr_klein-6.png?​200 |}}{{:​mr_klein-7.png?​200 |}}{{:​mr_klein-8.png?​200 |}} {{:​mr_klein-1.png?​200 |}}{{:​mr_klein-2.png?​200 |}}{{:​mr_klein-3.png?​200 |}}{{:​mr_klein-4.png?​200 |}}{{:​mr_klein-5.png?​200 |}}{{:​mr_klein-6.png?​200 |}}{{:​mr_klein-7.png?​200 |}}{{:​mr_klein-8.png?​200 |}}
Line 836: Line 836:
 Arletty : Mme Raymonde, la prostituée\\ Arletty : Mme Raymonde, la prostituée\\
 Louis Jouvet : M. Edmond, le protecteur de Mme Raymonde\\ Louis Jouvet : M. Edmond, le protecteur de Mme Raymonde\\
-Jean-Pierre Aumont : Pierre, le fiancé de Renée (nel 1973 lo rivedremo ne //La nuit américaine//​\\+Jean-Pierre Aumont : Pierre, le fiancé de Renée (nel 1973 lo rivedremo ne //La nuit américaine//​)\\
 André Brunot : Émile Lecouvreur, le patron de l'​hôtel\\ André Brunot : Émile Lecouvreur, le patron de l'​hôtel\\
 Jane Marken : Louise Lecouvreur, la patronne de l'​hôtel\\ Jane Marken : Louise Lecouvreur, la patronne de l'​hôtel\\
Line 879: Line 879:
 Doppia [[mise en abyme]]: proprio all'​inizio del film, con l'​opera (è il //Faust// di Charles Gounod), e poi, quaranta minuti dopo, con la pièce teatrale ("the farewall scene"​). Non nuovo, ma riuscitissimo,​ l'​effetto di Ellen che "​recita"​ la lettera che ha scrito a Newland da una carrozza scoperta, in un paesaggio innevato, guardando in camera. Doppia [[mise en abyme]]: proprio all'​inizio del film, con l'​opera (è il //Faust// di Charles Gounod), e poi, quaranta minuti dopo, con la pièce teatrale ("the farewall scene"​). Non nuovo, ma riuscitissimo,​ l'​effetto di Ellen che "​recita"​ la lettera che ha scrito a Newland da una carrozza scoperta, in un paesaggio innevato, guardando in camera.
 ---- ----
-Mercoledì 17: continuiamo e finiamo il bellissimo [[martin_scorsese|Scorsese]] iniziato lunedì. Quando sono nella casa di villeggiatura (dove per ironia della sorte torneranno da sposati), vediamo prima quello che luisi augura che succeda, e poi quello che accade veramente. Quando va a Boston per incontrarla,​ facendole una sprpresa, e sono le ultime ore che passano insieme, vede prima la versione di lei in miniatura, mentre un pittore sta dando gli ultimi ritocchi al suo ritratto, e poi, più lontano, la Ellen vera, mentre legge seduta su una panchina.+Mercoledì 17: continuiamo e finiamo il bellissimo [[martin_scorsese|Scorsese]] iniziato lunedì. Quando sono nella casa di villeggiatura (dove per ironia della sorte torneranno da sposati), vediamo prima quello che lui si augura che succeda, e poi quello che accade veramente. Quando va a Boston per incontrarla,​ facendole una sorpresa, e sono le ultime ore che passano insieme, vede prima la versione di lei in miniatura, mentre un pittore sta dando gli ultimi ritocchi al suo ritratto, e poi, più lontano, la Ellen vera, mentre legge seduta su una panchina.
  
 Domenica 21: per l'​ultima serata insieme, prima della partenza di Brigitta per Alghero e la Summer School di Filmidee, proviamo prima a guardare //​Notorious//​ di [[alfred_hitchcock|Hitchcock]],​ del 1946, ma poi, quando vediamo che i sottotitoli italiani non funzionano, decidiamo invece di rivedere //Paisà// di [[roberto_rossellini|Rossellini]],​ dello stesso anno. Qual è l'​episodio più bello? Esito tra quello di Firenze e quello di Scardovari. Domenica 21: per l'​ultima serata insieme, prima della partenza di Brigitta per Alghero e la Summer School di Filmidee, proviamo prima a guardare //​Notorious//​ di [[alfred_hitchcock|Hitchcock]],​ del 1946, ma poi, quando vediamo che i sottotitoli italiani non funzionano, decidiamo invece di rivedere //Paisà// di [[roberto_rossellini|Rossellini]],​ dello stesso anno. Qual è l'​episodio più bello? Esito tra quello di Firenze e quello di Scardovari.
Line 885: Line 885:
 Martedì 23: è la prima serata che passo a casa senza Brigitta (ieri sono stato da Teresa e Marcello), ormai alla Summer School di Filmidee, e decido di rivedermi un classico di [[joseph_losey|Losey]],​ //The servant//, del 1963. Lo inizio però dopo le 23 e il film è piuttosto lungo; riesco a finirlo, ma dopo l'una di notte iniziavo a perdere un po' la concentrazione. Martedì 23: è la prima serata che passo a casa senza Brigitta (ieri sono stato da Teresa e Marcello), ormai alla Summer School di Filmidee, e decido di rivedermi un classico di [[joseph_losey|Losey]],​ //The servant//, del 1963. Lo inizio però dopo le 23 e il film è piuttosto lungo; riesco a finirlo, ma dopo l'una di notte iniziavo a perdere un po' la concentrazione.
 ---- ----
-Mercoledì 24 e giovedì 25 mi vedo, in due parti, il mediocre film di [[Claude Sautet]] del 1971, //Max et les ferrailleurs//​abbastanza ridicolo, con la sua sceneggiatura traballante e una fotografia da fumetto. Ieri avevo ne avevo vista un'​ora,​ oggi ho guardato, mangiando, gli ultimi 45 minuti. Uno dei problemi, per me, è che io non sono attratto da Romy Schneider (Vienne 1938 - Paris 1982), qui nel ruolo della puttana ​tedesca.+Mercoledì 24 e giovedì 25 mi vedo, in due parti, il mediocre film di [[Claude Sautet]] del 1971, //Max et les ferrailleurs//​abbastanza ridicolo, con la sua sceneggiatura traballante e una fotografia da fumetto. Ieri avevo ne avevo vista un'​ora,​ oggi ho guardato, mangiando, gli ultimi 45 minuti. Uno dei problemi, per me, è che io non sono attratto da Romy Schneider (Vienne 1938 - Paris 1982), qui nel ruolo della prostituta ​tedesca.
 ---- ----
-Sabato 27: decido di affrontare il primo di tre adattamenti de [[les_liaisons_dangereuses|Les liaisons dangereuses]] di [[laclos|Laclos]],​ quello girato da [[Roger Vadim]] nel 1959. Non sarà stato un grande regista, ma di certo di donne se ne intendeva! La Tourvel è interpretata dalla sua moglie dell'​epoca,​ una bellissima danese.+Sabato 27: decido di affrontare il primo di tre adattamenti de [[les_liaisons_dangereuses|Les liaisons dangereuses]] di [[laclos|Laclos]],​ quello girato da [[Roger Vadim]] nel 1959. Non sarà stato un grande regista, ma di certo di donne se ne intendeva! La Tourvel è interpretata dalla sua moglie dell'​epoca,​ una bellissima ​modella ​danese.
 ---- ----
 {{:​liaisons_dangereuses_1960-1.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-2.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-3.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-4.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-5.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-6.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-7.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-8.png?​200 |}} {{:​liaisons_dangereuses_1960-1.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-2.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-3.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-4.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-5.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-6.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-7.png?​200 |}}{{:​liaisons_dangereuses_1960-8.png?​200 |}}
Line 937: Line 937:
 {{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-1.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-2.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-3.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-4.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-5.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-6.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-7.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-8.png?​200 |}} {{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-1.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-2.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-3.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-4.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-5.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-6.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-7.png?​200 |}}{{:​Die_Ehe_von_Maria_Braun-8.png?​200 |}}
 ---- ----
-Sabato 3: nel pomeriggio guardiamo il nostro primo film della regista polacca [[Agnieszka Holland]] (1948), //Kobieta samotna// (//A lonely woman// o //A woman alone//)), del 1981. Wikipedia: "The film is a political drama about middle-aged Irena (played by Maria Chwalibóg (1933)) who lives alone on the outskirts of Wrocław."​+Sabato 3: nel pomeriggio guardiamo il nostro primo film della regista polacca [[Agnieszka Holland]] (1948), //Kobieta samotna// (//A lonely woman// o //A woman alone//), del 1981. Wikipedia: "The film is a political drama about middle-aged Irena (played by Maria Chwalibóg (1933)) who lives alone on the outskirts of Wrocław."​
 ---- ----
 Mercoledì 7: dopo una notte passata al "​Bianca Maria Palace"​ di Milano, mentre Brigitta è a seguire il Festival a Locarno io, di ritorno in via Saluzzo, mi sono guardato il [[michael_powell_and_emeric_pressburger|Powell & Pressburger]] del 1945, //I know where I'm going!//, bella storia d'​amore ambientata in Scozia. Anche qui, come in //The Life and Death of Colonel Blimp// e in //A Matter of Life and Death//, grande ruolo di Roger Livesey (1906-1976). Mercoledì 7: dopo una notte passata al "​Bianca Maria Palace"​ di Milano, mentre Brigitta è a seguire il Festival a Locarno io, di ritorno in via Saluzzo, mi sono guardato il [[michael_powell_and_emeric_pressburger|Powell & Pressburger]] del 1945, //I know where I'm going!//, bella storia d'​amore ambientata in Scozia. Anche qui, come in //The Life and Death of Colonel Blimp// e in //A Matter of Life and Death//, grande ruolo di Roger Livesey (1906-1976).
Line 1088: Line 1088:
 Mercoledì 28, in tre diversi momenti della giornata, e fino all'1 e 20 di notte, guardiamo //War and peace// di [[King Vidor]], del 1956. Mercoledì 28, in tre diversi momenti della giornata, e fino all'1 e 20 di notte, guardiamo //War and peace// di [[King Vidor]], del 1956.
  
-Sabato 31, a Cuneo, facendo una pausa tra la prima e la seconda parte (spesa di tisane da Giraudo, prova di vestiti Issey Miyake da Isoari), guardiamo il film coreano //​Mademoiselle//​ (The handmaid) di [[Park Chan-wook]] del 2016. Momenti di bell'​erotismo;​ purtroppo la versione di Arte è doppiata in francese, mentre nell'​originale pare si mescolino coreano e giapponese. Il film è un adattamento del libro "​Fingersmith"​ (2002) della scrittrice gallese Sarah Waters (1966); ma mentre il libro era ambientato originariamente nell'​Inghilterra della seconda metà dell'​Ottocento,​ il film si svolge nella Corea occupata dai giapponesi negli anni Trenta del Novecento.+Sabato 31, a Cuneo, facendo una pausa tra la prima e la seconda parte (spesa di tisane da Giraudo, prova di vestiti Issey Miyake da Isoardi), guardiamo il film coreano //​Mademoiselle//​ (The handmaid) di [[Park Chan-wook]] del 2016. Momenti di bell'​erotismo;​ purtroppo la versione di Arte è doppiata in francese, mentre nell'​originale pare si mescolino coreano e giapponese. Il film è un adattamento del libro "​Fingersmith"​ (2002) della scrittrice gallese Sarah Waters (1966); ma mentre il libro era ambientato originariamente nell'​Inghilterra della seconda metà dell'​Ottocento,​ il film si svolge nella Corea occupata dai giapponesi negli anni Trenta del Novecento.
  
 ==== Settembre ==== ==== Settembre ====
Line 1144: Line 1144:
 Secondo [[Jean-Claude Biette]] per i grandi registi bisognerebbe usare il termine "​cinéaste",​ invece di "​metteur en scène"​ (più adatto ai registi teatrali) o di "​réalisateur"​. Secondo [[Jean-Claude Biette]] per i grandi registi bisognerebbe usare il termine "​cinéaste",​ invece di "​metteur en scène"​ (più adatto ai registi teatrali) o di "​réalisateur"​.
 ---- ----
-Domencia ​8: torno in Cinémathèque per l'​ultimo film di [[arnaud_desplechin|Desplechin]],​ //Roubaix, une lumière//, dl 2019. Presnetato, brevemente, da lui e dall'​attore co-protagonista,​ il giovane Antoine Reinartz (1985) dle quale Arnaud si è innamorato dopo averlo visto, se non sbaglio, in //120 battements par minute// di [[Robin Campillo]]. Il protagnista, invece, nel ruola del commissari ​Yacoub Daoud, è il bravissimo Roschdy Zem (1965), attore franco-marocchino.+Domenica ​8: torno in Cinémathèque per l'​ultimo film di [[arnaud_desplechin|Desplechin]],​ //Roubaix, une lumière//, dl 2019. Presentato, brevemente, da lui e dall'​attore co-protagonista,​ il giovane Antoine Reinartz (1985) dle quale Arnaud si è innamorato dopo averlo visto, se non sbaglio, in //120 battements par minute// di [[Robin Campillo]]. Il protagonista, invece, nel ruolo del commissario ​Yacoub Daoud, è il bravissimo Roschdy Zem (1965), attore franco-marocchino.
 ---- ----
 Martedì 10: al Louxor per il film di [[Boris Nicot]], il compagno di Judith, su Paulo Branco: //Deux, trois fois Branco//, del 2018. Incontro subito Marco, e Judith, e [[marina_deak|Marina]] e anche Julie. Marco sostiene, ed esprime questa sua idea paradossale anche a Boris, che non capisce da subito se sia scherzando o meno, che il film perde buona parte del suo interesse con l'​arrivo sullo schermo dell'​attesissimo Branco, nell'​ultima mezz'​ora! Paradossale,​ certo, visto che Boris ci aveva promesso un film su Branco, e non un film su sé stesso che cerca di girare un film su Branco... Martedì 10: al Louxor per il film di [[Boris Nicot]], il compagno di Judith, su Paulo Branco: //Deux, trois fois Branco//, del 2018. Incontro subito Marco, e Judith, e [[marina_deak|Marina]] e anche Julie. Marco sostiene, ed esprime questa sua idea paradossale anche a Boris, che non capisce da subito se sia scherzando o meno, che il film perde buona parte del suo interesse con l'​arrivo sullo schermo dell'​attesissimo Branco, nell'​ultima mezz'​ora! Paradossale,​ certo, visto che Boris ci aveva promesso un film su Branco, e non un film su sé stesso che cerca di girare un film su Branco...
Line 1165: Line 1165:
  
 //La Fille seule//, di [[Benoît Jacquot]], del 1995 //La Fille seule//, di [[Benoît Jacquot]], del 1995
 +
 +//​Mahjong//,​ di [[Edward Yang]], del 1996
  
 //La vie de Marianne//, di [[Benoît Jacquot]], del 1997 //La vie de Marianne//, di [[Benoît Jacquot]], del 1997
Line 1184: Line 1186:
 Tra le scene più belle, secondo me: quella del sogno di Marie nella fermata "​Filles-du-Calvaire";​ quella nella chiesa in demolizione/​ristrutturazione (Pantin?), senza sonoro; quella con un grande "​prisunic"​ sullo sfondo; quella del fidanzato che fugge nel traffico, tra i guard-rail. Torniamo a casa con il 71 che Brigitta prende insieme a me per la prima volta. Tra le scene più belle, secondo me: quella del sogno di Marie nella fermata "​Filles-du-Calvaire";​ quella nella chiesa in demolizione/​ristrutturazione (Pantin?), senza sonoro; quella con un grande "​prisunic"​ sullo sfondo; quella del fidanzato che fugge nel traffico, tra i guard-rail. Torniamo a casa con il 71 che Brigitta prende insieme a me per la prima volta.
 ---- ----
-Venerdì 20: dopo una cena leggera accompagnata da un ottimo Chinon ​ci spostiamo ​decidiamo di riguardare un film che amiamo molto, per non dover impegnarci a scoprire cose nuove (procedimento più stancante) ma soltanto per approfondire cose che già conosciamo (procedimento altrettanto utile, se non di più), un film dell'​anno di Brigitta, il 1991, //La double vie de Véronique//,​ il primo [[krzysztof_kieslowski|Kieślowski]] "​francese"​. Difatti, come moltissime immagini del film, anche il film stesso è "​doppio",​ nella trama e nella realizzazione,​ sospeso com'è tra Polonia e Francia. Quelli successivi lo saranno, per forza di cose, meno. Come le immagini che si riflettono su una prima superficie e poi su una seconda, fino a staccarsi completamente dalla prima: così saranno gli anni futuridel regista, sempre meno in Pologna e sempre di più in Francia.+Venerdì 20: dopo una cena leggera accompagnata da un ottimo Chinon decidiamo di riguardare un film che amiamo molto, per non dover impegnarci a scoprire cose nuove (procedimento più stancante) ma soltanto per approfondire cose che già conosciamo (procedimento altrettanto utile, se non di più), un film dell'​anno di Brigitta, il 1991, //La double vie de Véronique//,​ il primo [[krzysztof_kieslowski|Kieślowski]] "​francese"​. Difatti, come moltissime immagini del film, anche il film stesso è "​doppio",​ nella trama e nella realizzazione,​ sospeso com'è tra Polonia e Francia. Quelli successivi lo saranno, per forza di cose, meno. Come le immagini che si riflettono su una prima superficie e poi su una seconda, fino a staccarsi completamente dalla prima: così saranno gli anni futuridel regista, sempre meno in Pologna e sempre di più in Francia.
 ---- ----
-Sabato 21: rivedo //Der Amerikanische Freund// (1976) in Cinémathèque,​ per il ciclo [[Nicholas Ray]]. Oltre a Brigitta e ci sono anche Sandro e Annalisa Consonni con il ragazzo. Copia DCP ristorata, molto bella. Ero più preparato, l'ho capito meglio delle volte precedenti.+Sabato 21: rivedo //Der Amerikanische Freund// (1976) in Cinémathèque,​ per il ciclo [[Nicholas Ray]]. Oltre a Brigitta e ci sono anche Sandro e Annalisa Consonni con il ragazzo. Copia DCP restaurata, molto bella. Ero più preparato, l'ho capito meglio delle volte precedenti.
 ---- ----
 Mercoledì 25, inaugurazione del ciclo [[Kira Muratova]] alla Cinémathèque. Mercoledì 25, inaugurazione del ciclo [[Kira Muratova]] alla Cinémathèque.
Line 1194: Line 1196:
 Domenica 29, alle 21.30, in un multisala di place de Jaude a Clermont-Ferrant,​ guardiamo //Portrait de la jeune fille en feu// di [[Céline Sciamma]]. Adèle Haenel (1989), già compagna della regista, mi è sembrata una pessima attrice. Domenica 29, alle 21.30, in un multisala di place de Jaude a Clermont-Ferrant,​ guardiamo //Portrait de la jeune fille en feu// di [[Céline Sciamma]]. Adèle Haenel (1989), già compagna della regista, mi è sembrata una pessima attrice.
  
-Le cose più belle del film sono i paesaggi bretoni (credo) e le acconciature delle due regazze. I capelli biondi e mossi di Héloïse, ​annodadi ​dietro la sua nuca, alle volte facevano letteralmente risplendere lo schermo.+Le cose più belle del film sono i paesaggi bretoni (credo) e le acconciature delle due regazze. I capelli biondi e mossi di Héloïse, ​annodati ​dietro la sua nuca, alle volte facevano letteralmente risplendere lo schermo.
  
-Pessima interpretazione di Valeria Golino.+Pessima ​anche l'interpretazione di Valeria Golino.
  
 ==== Ottobre ==== ==== Ottobre ====
Line 1202: Line 1204:
 Martedì 1, inizio del mese con un grande [[gianni_amelio|Amelio]] del 1994, //​Lamerica//​. Martedì 1, inizio del mese con un grande [[gianni_amelio|Amelio]] del 1994, //​Lamerica//​.
 ---- ----
-Il secondo film del mese lo vedo solo oggi, a 11 giorni di ditanza ​dal primo: incredibile! Negli ultimi anni non credo di aver mai fatto una pausa così lunga. Quello che vedo oggi (sabato 12 ottobre) è anche il primo film dalla partenza di Brigitta per Roma (avvenuta mercoledì). Insomma, ho rivisto dopo molto anni //Boudou sauvé des eaux//, di [[Jean Renoir]], del 1932. È uno dei ruoli più celebri dello svizzero Michel Simon (1895-1975). Forte sensualità più o meno sotterranea.+Il secondo film del mese lo vedo solo oggi, a 11 giorni di distanza ​dal primo: incredibile! Negli ultimi anni non credo di aver mai fatto una pausa così lunga. Quello che vedo oggi (sabato 12 ottobre) è anche il primo film dalla partenza di Brigitta per Roma (avvenuta mercoledì). Insomma, ho rivisto dopo molto anni //Boudou sauvé des eaux//, di [[Jean Renoir]], del 1932. È uno dei ruoli più celebri dello svizzero Michel Simon (1895-1975). Forte sensualità più o meno sotterranea.
  
 {{:​boudu-1.png?​200 |}}{{:​boudu-2.png?​200 |}}{{:​boudu-3.png?​200 |}}{{:​boudu-4.png?​200 |}}{{:​boudu-5.png?​200 |}}{{:​boudu-6.png?​200 |}}{{:​boudu-7.png?​200 |}}{{:​boudu-8.png?​200 |}} {{:​boudu-1.png?​200 |}}{{:​boudu-2.png?​200 |}}{{:​boudu-3.png?​200 |}}{{:​boudu-4.png?​200 |}}{{:​boudu-5.png?​200 |}}{{:​boudu-6.png?​200 |}}{{:​boudu-7.png?​200 |}}{{:​boudu-8.png?​200 |}}
 +----
 +Domenica 13, passo ai film americani con: //L.A. Confidential//,​ di [[Curtis Hanson]], del 1997.
 +----
 +Lunedì 14, un po' fortuitamente,​ e grazie soprattutto a Forlani che lo conosce bene (sono entrambi di Caserta) mi ritrovo all'​anteprima parigina dell'​attesissimo film di [[Pietro Marcello]], //Martin Eden//, appunto con Forlani e con Patrizia Molteni. Incontriamo anche Alain Amengual e Olivier Favier, che traduce la conversazione dopo il film. Sono presenti anche le due attrici coprotagoniste,​ la francese Jessica Cressy (Elena Orsini) e la siciliana Denise Sardisco (Margherita). Luca Marinelli (1984, Martin Eden), come hanno detto tutti, è certo molto bravo.
 +----
 +Sabato 19. Finalmente questa sera riesco ad aggiungere un ulteriore tassello alla filmografia di Virginie Ledoyen (1976): //Jeanne et le garçon formidable//,​ di una coppia (nel senso che sono compagni) di registi gay, [[Olivier Ducastel et Jacques Martineau]],​ del 1998. È un musical sull'​AIDS,​ nel quale la Ledoyen recita a fianco di Mathieu Demy (1972), figlio di [[Agnès Varda]] e di [[Jacques Demy]] (probabilmente morto di AIDS). L'​edizione americana del DVD che ho comprato per pochi Euro è di pessima qualità, purtroppo.
 +
 +{{:​jeanne-1.png?​200 |}}{{:​jeanne-2.png?​200 |}}{{:​jeanne-3.png?​200 |}}{{:​jeanne-4.png?​200 |}}
 +----
 +Mercoledì 23, alla Cinémathèque con Marianna Scarfone per l'​inaugurazione del ciclo Stanley Hayden vediamo un film di [[Robert Altman]] del 1973, //The long googbye//. Lo vedevo per la seconda volta, e anche se sono passati molti anni, è un film al quale non riesco ad affezionarmi,​ perché lo trovo troppo datato, e datato di un'​epoca che cinematograficamente non amo.
 +----
 +Sabato 26: la lettura di [[VITIELLO 2019]] mi dà ovviamente voglia di rivedere degli [[alfred_hitchcock|Hitchcock]],​ e questa sera ho scelto //​Spellbound//,​ del 1945 ("Io ti salverò",​ in italiano), con la coppia Ingrid Bergman/​Gregory Peck.
 +----
 +Domenica 27: sul TGV per Torino delle 14.41 guardo un [[henri-georges_clouzot|Clouzot]] che non avevo mai visto prima, //La vérité//, con Brigitte Bardot, del 1960.
 +
 +{{:​la_verite-1.png?​200 |}}{{:​la_verite-2.png?​200 |}}{{:​la_verite-3.png?​200 |}}{{:​la_verite-4.png?​200 |}}
 +----
 +Martedì 29: riusciamo ad iniziare un primo film qui a Cuneo, in via Saluzzo; dopo lunghe discussioni e psicodrammi abbiamo scelto //Yi yi// d'​[[Edward Yang]], del 2000. Arriviamo fino alla riunione con i giapponesi che deve decidere il destino della ditta.
 +
 +{{:​yi_yi-1.png?​200 |}}{{:​yi_yi-2.png?​200 |}}{{:​yi_yi-3.png?​200 |}}{{:​yi_yi-4.png?​200 |}}
 +==== Novembre ====
 +
 +Sabato 2, sul treno che mi riporta a Parigi, rivedo (e lo finisco alle 21.45) [[Le deuxième souffle]], [[jean-pierre_melville|Melville]],​ 1966.
 +
 +Domenica 3, nel pomeriggio, sul divano di Belleville mi guardo un grande classico francese che mi era ompletamente sfuggito, //Garde à vue//, con Lino Ventura di una quindicina di anni più vecchio di ieri, e sempre straordinario. Il direttore della fotografia, riconoscibilissimo per il suo stile, è Bruno Nuytten.
 +
 +{{:​garde_a_vue-1.png?​200 |}}{{:​garde_a_vue-2.png?​200 |}}{{:​garde_a_vue-3.png?​200 |}}{{:​garde_a_vue-4.png?​200 |}}{{:​garde_a_vue-5.png?​200 |}}{{:​garde_a_vue-6.png?​200 |}}{{:​garde_a_vue-7.png?​200 |}}{{:​garde_a_vue-8.png?​200 |}}
 +----
 +Sempre domenica 3, ma alle 22, dopo un lungo scambio WhatsApp con Brigitta, guardo il mio secondo film di [[Jean-Jacques Annaud]] (il primo, naturalmente,​ è stato //Il nome della rosa//: //​L'​amant//,​ del 1992. La voce recitante fuoricampo, in inglese, è quella di Jeanne Moreau.
 +
 +Jane March (1973): la jeune fille\\
 +Tony Leung Ka-fai (1958): le Chinois\\
 +Frédérique Meininger: la mère\\
 +Arnaud Giovaninetti:​ l'​aîné\\
 +Melvil Poupaud: le jeune frère\\
 +Lisa Faulkner: Hélène Lagonelle
 +----
 +{{:​amant-1.png?​200 |}}{{:​amant-2.png?​200 |}}{{:​amant-3.png?​200 |}}{{:​amant-4.png?​200 |}}{{:​amant-5.png?​200 |}}{{:​amant-6.png?​200 |}}{{:​amant-7.png?​200 |}}{{:​amant-8.png?​200 |}}
 +----
 +Lunedì 4: piuttosto tardi, guardo la prima ora di //​L'​amour d'une femme// di [[jean_gremillon|Grémillon]],​ fino alla morte dell'//​institutrice//​.
 +----
 +Martedì 5: finisco il brutto [[jean_gremillon|Grémillon]] del 1953, //​L'​amour d'une femme//: dal funerale dell'//​institutrice//​ alla partenza dell'​ingegnere e al primo piano su Marie che piange, ormai sola nell'​isoletta di Ouessant. Il film è una delusione da tutti  punti di vista: la sceneggiatura,​ gli attori, e anche dell'​isola si vedo pochino, dopotutto.
 +----
 +Sabato 9: la sera, dopo le 19, riesco finalmente a trovare il tempo (rimanevano più di due ore) per finire il magnifico //Yi Yi//.
 +----
 +{{:​yi_yi-5.png?​200 |}}{{:​yi_yi-6.png?​200 |}}{{:​yi_yi-7.png?​200 |}}{{:​yi_yi-8.png?​200 |}}{{:​yi_yi-9.png?​200 |}}{{:​yi_yi-10.png?​200 |}}{{:​yi_yi-11.png?​200 |}}{{:​yi_yi-12.png?​200 |}}
 +----
 +Le storie d'​amore parallele, degli adulti e dei ragazzi: gli adulti si ricordano le loro, ne parano, mentre i giovani stanno vivendo esattamente le stesse cose. La ragazza che sogna le carezze della nonna, e quando si sveglia scopre che è morta, ma che le ha comunque lasciato un fiore di carta. Il primo innamoramento del bambino di 8 anni, in una sala di proiezione delle scuola dove gli allievi stanno vedendo un documentario sulle nuvole. Grande intimismo, ma bellissime scene esterne. Discrezione:​ nei momenti più delicati la camera e lontana, mai invadente. Alcune cose proprio non le vediamo. Urbanismo di Taiwan, che convive con una natura lussureggiante. Figura del manager/​filosofo giapponese, alter ego del padre.
 +----
 +Domenica 10: nel pomeriggio, con difficoltà,​ facendo una pausa, mi guardo //The housemaid//,​ film coreano di [[Kim Ki-young]], del 1960. Ho sbagliato a seguire il consiglio di [[Bong Joon-ho]], letto su [[http://​lacinetek.com|La Cinetek]], perché il film non mi è piaciuto per niente. Forse, ciò che lo ha reso quasi insopportabile per me, è soprattutto la colonna sonora ultramoderna e jazzy.
 +
 +{{:​the_housemaid_1960-1.png?​200 |}}{{:​the_housemaid_1960-2.png?​200 |}}{{:​the_housemaid_1960-3.png?​200 |}}{{:​the_housemaid_1960-4.png?​200 |}}
 +----
 +Martedì 12, primo film della settimana (ieri sera avevo cenato con Marco); questa volta ho scelto bene, prendendo a pretesto una breve conversazione con una lettrice in biblioteca che loaveva citato casualmente:​ //The ghost and mrs Muir//, di [[Joseph L. Mankiewicz]],​ del 1947. Veramente delizioso, delicatissimo,​ con tre attori straordinarie e con una colonna sonora bellissima firmata Bernard Hermann, ma con un tono più intimo e più romantico, quasi più straziante, rispetto al suo solito.
 +
 +{{:​The_ghost_and_mrs_Muir-1.png?​200 |}}{{:​The_ghost_and_mrs_Muir-2.png?​200 |}}{{:​The_ghost_and_mrs_Muir-3.png?​200 |}}{{:​The_ghost_and_mrs_Muir-4.png?​200 |}}{{:​The_ghost_and_mrs_Muir-5.png?​200 |}}{{:​The_ghost_and_mrs_Muir-6.png?​200 |}}{{:​The_ghost_and_mrs_Muir-7.png?​200 |}}{{:​The_ghost_and_mrs_Muir-8.png?​200 |}}
film_2019.1570919250.txt.gz · Last modified: 2019/10/13 00:27 by francesco