User Tools

Site Tools


film_2021

This is an old revision of the document!


Gennaio

Venerdì 1: finiamo, in serata, Stage fright.


Sabato 2: guardiamo La Sirène du Mississipi del 1969; Brigitta apprezza molto questo Truffaut, anche se non riesce a cogliere perfettamente tutti i dialoghi francesi (con sottotitoli inglesi).


Lunedì 4: Nightfall di Jacques Tourneur del 1956. Tratto da un romanzo di David Goodis (1917-1967), come Tirez sur la pianiste di Truffaut e molti altri film. Bella ed elegante la giovane Anne Bancroft (1931-2005), che scopro essere di origini italiane: i suoi genitori venivano da Muro Lunano.


Sabato 9, nel primo pomeriggio, Song'e Napule dei Manetti Bros., del 2014. Ci piace molto!


Domenica 10: ancora un Hitchcock, The 39 steps, del 1935. Con Robert Donat (1905-1958) e Madeleine Carroll (1906-1987).


Lunedì 11: iniziamo il famoso Rope, sempre di Hitchcock (1948) e ne guardiamo i primi 20 minuti.

Martedì 12: finiamo Rope. Strano pensare che sia un film della fine degli anni 40, e non degli anni 50 come i colori potrebbero lasciar supporre. I vestiti però sono più datati, è evidente.


Sabato 16, guardiamo un altro Hitchcock: The Lady Vanishes, del 1938. La protagonista vecchia è Dame May Whitty (1856-1948), che 4 anni dopo sarà in Mrs. Miniver, la giovane è Margaret Lockwood (1916 – 1990).


Domenica 17, dopo cena guardiamo To Catch a Thief, sempre di Hitchcock, del 1955; non lo vedevo da moltissimi anni, nella wiki non ce ne sono tracce. Chiaramente un Hitchcock molto minore rispetto ai sui massimi livelli, ma comunque sempre abbastanza godibile.


Lunedì 18: cominciamo a guardare Sabotage di Hitchcock, del 1936 ma dobbiamo interromperlo presto, alla scena dell'aquarium, perché i sottotitoli da quel punto non sono più sincronizzati, peccato.

Martedì 19: ho trovato dei sottotitoli sincronizzati in francese, finiamo il bell'Hitchcock del 1936, Sabotage, tratto da Joseph Conrad.

Mercoledì 20: continuiamo il ciclo Hitchcock con un film di qualche anno dopo, Foreign correspondent, del 1940. Ne guardiamo più della metà. Impressionante! Lo avevo visto per l'ultima volta l'estate del 2017 a Varigotti con Mariolina e Bruno ma ne conservavo pochi ricordi.


Giovedì 21: finiamo l'Hitchcock iniziato ieri.


Lunedì 25: guardiamo uno dei miei Fuller preferiti: Underworld U.S.A., del 1961. Non lo vedevo dal 15 agosto 2014, a Poudens!


Martedì 26: Mimì metallurgico ferito nell'onore di Lina Wertmüller, del 1972, che Brigitta vede per la prima volta.


Mercoledì 27, torniamo ad un film italiani degli anni Cinquanta con Gli innamorati di Mauro Bolognini, del 1955. Vinse il Nastro d'argento per la sceneggiatura l'anno successivo, ma noi ne siamo rimasti abbastanza delusi, dalla sceneggiatura e dal film in generale.


Giovedì 28: Mio figlio professore, di Renato Castellani, del 1946. Con Aldo Fabrizi e Mario Soldati.


Sabato 30: The Lady from Shanghai, di Orson Welles, del 1947. Lo rivedo sempre con piacere e ne apprezzo ogni volta di più la genialità.

film_2021.1612173192.txt.gz · Last modified: 2021/02/01 10:53 by francesco